Galleria

Le vostre foto

A circa 1 miglio dal porto di Porticello si trova la suggestiva secca della “Formica”, due scogli affioranti sulle antiche rotte non conosciuti sulle carte nautiche, teatro di naufragi di grandi imbarcazioni in epoche fenicia e romana. Lo scoglio della formica e’ una montagna che da 60 mt. di profondita’ raggiunge la superficie e fuoriesce dall’acqua per circa mezzo metro con le estremità che creano una bussola naturale. Le due estremità affioranti indicano l’Est e l’Ovest mentre il canale centrale indica il Nord e il Sud. La biodiversità marina presente nella parte sommersa della montagna rende la “Formica” il luogo ideale per le immersioni e lo snorkeling.

Ai piedi del faro di Capo Zafferano, il punto che divide il golfo di Palermo da quello di Termini Imerese, ci si imbatte in un imponente isolotto naturale a forma di scarpone, da cui il nome del luogo, le cui pareti scendono fino a 40metri sotto il livello del mare.

A circa 1,5 Km dal centro abitato di Santa Flavia, sorge la borgata marinara di Solanto, che ha ereditato il nome dalla vicina cittadella fenicia di Solunto. Il villaggio, costituito da un piccolo nucleo di abitazioni, ruota attorno al Castello e al Palazzo Reale, costruiti a picco sul mare, e deve la sua origine all’attività della tonnara, ormai non più attiva.

Da una delle insenature di Morgerbino sorgono le “Tre Piscine” definite così per la formazione di tre specchi d’acqua il cui fondale è formato da pietrisco bianco che dona a questo luogo un colore cristallino.

Nel tratto di costa che va da Capo Zafferano a Mongerbino sorge l’Arco Azzurro nato dal lungo e instancabile processo di erosione che il mare ha esercitato sulla roccia. Un ponte naturale sospeso su uno specchio d’acqua cristallina consacrato dalla pubblicità dei Baci Perugina negli anni ’80 e inserito tra i siti archeologici di maggiore interesse al livello nazionale dall’ISPRA.

That's All